Svelato il dietro le quinte della scena finale di ‘Saltburn’ con Barry Keoghan e Jacob Elordi.

Nel nuovo film di Emerald Fennell, “Saltburn”, i protagonisti interpretati da Barry Keoghan e Jacob Elordi portano lo spettatore in un viaggio attraverso le dinamiche complesse e oscure delle classi sociali agiate. Oliver, un giovane timido e ambizioso, si intrufola nel mondo di Felix, un ragazzo carismatico che lo affascina e ne diventa quasi un’ossessione.

Ben Affleck confessa la sua relazione con Jennifer Lopez: "È una bella storia"

La trama del film si sviluppa gradualmente, rivelando un’intreccio di amicizia, tradimento e vendetta che culmina in un finale inaspettato e controverso. Dopo aver escogitato un piano per spogliare Felix e la sua famiglia della loro ricchezza, assistiamo a una scena finale impattante in cui Oliver balla nudo nella villa, celebrando la sua vittoria con una danza al ritmo di una iconica canzone dance.

Così cantava Ricardo Montaner a Beatriz Pinzón su richiesta di Don Armando in "Betty la Fea"

Barry Keoghan ha raccontato in un’intervista che la scelta di quella scena finale lo ha entusiasmato, considerandola il trionfo totale del suo personaggio e una vera e propria profanazione dell’ambiente aristocratico della famiglia Catton. Emerald Fennell, la regista, ha spiegato che sono state necessarie diverse riprese per ottenere l’effetto desiderato, alla ricerca della perfetta combinazione di tecnica e emozione diabolica.

Hunter Schafer: l'attrice transgender di Hollywood che ha conquistato tutti in "Euphoria" - Scopri chi è!

Con una forte carica provocatoria e una narrazione audace, “Saltburn” si distingue per il suo coraggio nel rompere gli schemi e offrire al pubblico una visione distorta ma affascinante delle relazioni sociali e della sete di potere. Gli attori, guidati dalla visione audace della regista, hanno portato sullo schermo personaggi complessi e ambigui, regalandoci una storia che si insinua nella mente dello spettatore con una potente forza magnetica.

60 minuti di adrenalina: un padre combattente tra arti marziali e pericoli urbani a Berlino | RECENSIONE