Recensione “The Adam Project”: una fantascienza irriverente che funziona quando è sincera

A questo punto, ci sono stati così tanti film di Ryan Reynolds che è difficile tenerne traccia. È più difficile perché Reynolds ha interpretato una versione dello stesso personaggio dai tempi di “Deadpool (2016)”, uno shtick che non è divertente in Deadpool stesso e ha prodotto rendimenti decrescenti. Diretto da Shawn Levy, che ha anche diretto Reynolds in ” Free Guy (2021) “, “The Adam Project” sembra molto simile a un incontro di presentazione riportato in vita. Prendi “The Last Starfighter” (1984) e “Ritorno al futuro (1985)” e mescolali con una sana dose di angoscia per la relazione padre-figlio, un marchio di fabbrica dei film di Levy a questo punto, e quello che hai è “The Adam Progetto.”

Il film segue Adam Reed, 12 anni, che scopre una notte mentre cammina con il suo cane, un estraneo nella vecchia latrina di suo padre. Viene rivelato che lo sconosciuto è Adam stesso, interpretato da Ryan Reynolds con tutto il suo stanco sarcasmo, dal futuro. È bloccato nel 2022 per errore, progettando di tornare al 2018, ed è tutto legato a The Adam Project, un dispositivo responsabile dei viaggi nel tempo. È stato, inconsapevolmente, creato dal padre di Adam, ma ora entrambi gli Adam devono tornare nel 2018 per sfuggire ai cattivi, che vengono dal futuro, seguendoli alla ricerca di preservare la linea temporale nel processo. 

Come la maggior parte dei blockbuster moderni, “The Adam Project” è una stravaganza ricca di effetti visivi. Le scene d’azione, in particolare i momenti di combattimento ravvicinato, sono ben riprese e montate in modo pulito. Anche il lavoro acrobatico è ammirevole e sapientemente eseguito. La storia, come la maggior parte dei blockbuster, è assicurata dal fatto che lo spettatore sia sufficientemente distratto dagli eventi che accadono sullo schermo da prestare poca attenzione agli espedienti. Sembra tutto un prodotto di qualcosa che abbiamo visto prima, un miscuglio di Amblin con lo snark MCU, ma ciò che funziona qui, sorprendentemente, sono i momenti di sincerità.

La decisione di Levy di scegliere Reynolds come fulcro assicura che i personaggi nella sua immediata associazione – la versione più giovane di Adam, così come il padre di Adam – mettano in luce caratteristiche simili. Ruffalo è un gioco in questo senso. Il suo umorismo geniale, con lo sguardo tormentato del professore universitario, si sposa bene con l’umorismo sarcastico che molto familiare con l’opera di Reynolds. Walker Scobell, nei panni del giovane Adam, d’altra parte, si prende del tempo per entrare nel ritmo di questa consegna umoristica. A volte, viene fuori come un coglione, ma le sue interazioni con Reynolds ammorbidiscono lentamente i giudizi degli spettatori su di lui. Anche il retroscena dell’angoscia del suo personaggio legata alla morte di suo padre è prevedibile, ma funziona. Qui è Reynolds a sorprendere. Levy è davvero bravo ad approfondire le verità emotive ed estrarle attraverso dialoghi sinceri. 

D’altra parte, la trama di “The Adam Project” è una tipica storia di avventura di fantascienza, che oscilla tra poste estremamente alte e poste più basse possibili. L’uso di musica dance spensierata nelle sequenze d’azione mette in luce la natura ironica del film stesso: “Goditi il ​​viaggio; non pensarci troppo” – in una certa misura reale. Sebbene il viaggio nel tempo sia davvero semplice e i personaggi facciano consapevolmente riferimento ai precedenti intrecci della cultura pop con il concetto, la natura spensierata del film non lo eleva al di là dei popcorn standard.

Le immagini sono fantastiche; Zoe Saldana, nel suo ruolo limitato, eccelle davvero. C’è un momento in cui Saldana è minacciato. Vediamo le sue emozioni passare dalla preoccupazione alla felicità, dalla rassegnazione alla tristezza alla paura di morire, tutto in pochi secondi. In un film interpretato da Catherine Keener nei panni di una cattiva che fa roteare i baffi, la recitazione sfumata di Saldana ruba davvero la scena.

“The Adam Project” è una piacevole sorpresa di un film, che puoi riprodurre in sottofondo mentre fai le faccende domestiche. E per non pensare che io sia troppo duro con questo, è molto meglio della maggior parte dei film che Netflix pedala come una tariffa spensierata al giorno d’oggi. Ha molto più cuore della maggior parte dei blockbuster in CGI al giorno d’oggi, e non è un’impresa da poco.

Daniella Álvarez ha un nuovo fidanzato? La registrano mentre passeggia con un uomo d'affari