Marcela di “Betty, la Fea” sembra raggiante 22 anni dopo la prima della telenovela

Chi non ricorda l’elegante Marcela Valencia in “Yo soy Betty, la Fea”? La fidanzata di Don Armando Mendoza è stata interpretata dall’attrice Natalia Ramírez, che oggi ha 53 anni ed è bella come più di due decenni fa.


L’attrice colombiana il cui personaggio ha reso la vita impossibile a Beatriz Pinzón Solano, insieme a Patricia Fernández in Ecomoda, ha riconosciuto sul suo account Instagram che Marcela le ha dato l’opportunità di internazionalizzarsi.

In una pubblicazione, l’attrice del cast della produzione di Fernando Gaitán ha condiviso una foto in cui appare sullo schermo televisivo RCN recitando in “Betty, la Fea”, dove ringrazia per l’opportunità.


Il successo che gli ha portato “Betty, la Fea”

Natalia Ramírez è a conoscenza del fenomeno a cui sta ancora partecipando. La telenovela è trasmessa su Netflix e sulla rete Telemundo e dalla sua anteprima ha subito 28 adattamenti mondiali.

“È stata un’esperienza incredibile e decenni meravigliosi (…) Bellissimi regali che questo progetto mi ha fatto”, ha detto l’interprete durante un’intervista nel novembre 2020 per il programma di Telemundo Acceso Total “.


Ha anche assicurato di aver visto piccoli spezzoni di “Betty asiatica, rumena, tedesca”. La temuta Marcela di “Betty, la Fea” è attualmente dedicata alla produzione teatrale, e ha partecipato anche alla versione già completata della telenovela sul palco.

“È stato meraviglioso e affascinante poter rappresentare Marcela (…) e aver fatto la storia”, ha detto la famosa attrice dalla sua casa sull’isola di Porto Rico, per il programma di Telemundo En Casa “.


Natalia Ramírez aveva riferito che spera che la quarantena finisca per recitare in “El Diván Rojo”, una commedia scritta da Gaitán per il teatro.


In questa produzione l’attrice partecipa con i suoi compagni di “Betty, la Fea”, Lorna Cepeda “La Peliteñida” e Julio César Herrera “Freddy Stwart Contreras”, il messaggero di Ecomoda.


"Songbirds & Snakes": Le sorprendenti rivelazioni sulla crudeltà celata nei film di Hunger Games