Lui è Shimon Hayut, la persona che ha ispirato ‘Il truffatore di Tinder’

Il tizio era in prigione per le truffe che hanno ispirato il documentario, ma non ha pagato nemmeno un anno della sua pena.

Le voci di tre donne che affermano di essere state truffate hanno nuovamente acceso i riflettori su Netflix. Questo perché la piattaforma di streaming ha recentemente rilasciato il documentario ”Il truffatore di Tinder”, che mostra come le donne sono state ingannate da un ragazzo indicato nella produzione come Simon Levlev, un uomo israeliano che hanno incontrato attraverso una piattaforma di incontri.

L’uomo ha fatto credere alle sue vittime di essere un ricco erede di un’industria di diamanti e poi ha manipolato ognuno di loro per dargli migliaia di dollari, fingendo amore per mettere le mani sui loro beni.

Tv

“Si è spacciato per un magnate con una vita di lusso e ha sedotto le donne online per rubare milioni di dollari. Ora alcune vittime stanno pianificando la vendetta”, si legge nella sinossi del materiale di Netflix.

 

La vera storia di ‘Il truffatore di Tinder’

Il documentario racconta la storia di Shimon Hayut, un uomo israeliano la cui storia si basa su un rapporto del media norvegese VG, che ha registrato in un’indagine che mostra anche come l’uomo è stato catturato e deportato nel suo paese nel 2019.

Le accuse hanno avuto un effetto e l’uomo è stato perseguito, anche se non ha passato nemmeno un anno in un centro di detenzione. Dopo il suo periodo in prigione, non ha restituito nemmeno il denaro, e alcune voci sostengono che la lista delle persone che sono state truffate è ancora più lunga.

Ecco com'è la protagonista di "Juana la Virgen" quasi due decenni dopo la sua prima

Hayut ha detto il giorno dell’uscita del documentario che avrebbe raccontato la sua versione della storia sul suo account Instagram. Ha detto in mezzo a una crescente ondata di critiche dopo la rivelazione della sua vera identità.

“Dirò la mia versione della storia nei prossimi giorni, quando avrò trovato il modo migliore e più rispettoso per raccontarla, sia per le parti coinvolte che per me”, ha scritto sul suo account. “Fino ad allora, per favore, mantenete una mente e un cuore aperti.

Chiedono di censurare il classico film Grease per la promozione degli anti-valori: tutto 43 anni dopo la sua prima

Ha detto che la sua colpa non era così grave come il documentario, che mostra il suo modus operandi, dalla creazione del falso profilo, sotto il nome di Simon Leviev, ai milioni di dollari di furti che avrebbe commesso dopo la sua incarcerazione.

Il governo israeliano lo ha rilasciato nel 2019 nonostante una condanna a 15 anni come misura governativa in risposta alla pandemia, che ha cercato di ridurre il numero di prigionieri nelle carceri per evitare ondate di contagio in queste strutture e, di conseguenza, ridurre la probabilità di morti di massa.

Più economico dalla dozzina (2022) Recensione

Provvedimenti contro Hayut

Data la sua portata su Tinder, l’app utilizzata dal soggetto per trovare donne, gli sviluppatori hanno deciso di sospendere il suo account a vita e di vietargli l’accesso in modo che non potesse usarlo di nuovo in futuro.

Come se non bastasse, l’app consigliava agli utenti di limitare gli account che avevano trovato con le sue foto e/o il suo nome utente per evitare incidenti.

“Abbiamo condotto indagini interne e possiamo confermare che Hayut non è più attivo su Tinder sotto nessuno dei suoi alias conosciuti”, ha detto Tinder in un’intervista con TMZ.