Le splendide ispirazioni anni ’80 di Stranger Things

I gemelli Duffer sono entrati dalla porta grande, ma non sono nuovi. Sono stati i genitori di diversi episodi di Wayward Pines, la serie di Chad Hodge, ma senza dubbio quello che si è distinto di più fino a pochi giorni fa è stato Hidden, il loro primo lungometraggio insieme come registi e sceneggiatori. La serie è ricca di riferimenti, ammiccamenti e significati nascosti. Cominciamo con la più ovvia e lasciamo la grande colonna sonora per un altro articolo.

Il manifesto

Il magnifico poster è una delle cose più anni Ottanta del progetto. Chiaramente ispirato ai manifesti cinematografici di Drew Struzan e John Alvin, due dei migliori illustratori degli ultimi decenni.

Tra le loro creazioni più note ci sono The Mist, Star Wars, La Cosa, Hellboy, Indiana Jones e molti altri.

Yeferson Cossio ha rivelato quanto guadagna

Stephen King, Spielberg e John Carpenter

Stranger Things ha molto di Stephen King, mescolato con uno stile cinematografico spielberghiano, condito con un po’ de La Cosa di John Carpenter e da bere, un buon bicchiere di H.P. Lovecraft.

L’impronta di Stephen King è evidente nella tipografia del logo. I fratelli Duffer hanno persino inviato diverse copertine di vecchi libri di King alla casa di produzione per avere delle idee. Ma i titoli di testa riprendono anche elementi del lavoro di Richard Greenberg, autore di titoli leggendari come La zona morta, Dirty Dancing, Arma letale e Alien. Un’opera concisa, chiara e differenziata, ma che ha mantenuto le evocazioni.

Il giorno in cui "Betty La Fea" ha salvato Don Armando travestito da drag queen

La serie doveva essere ambientata a Montauk, una cittadina costiera di New York, per dare un’impronta più simile a Lo squalo (1975), ma alla fine si è optato per spostarla a Hawkins, una cittadina fittizia dell’Indiana. Tuttavia, hanno mantenuto uno dei suoi locali ispirati alle ganasce. Quella di avere un capo della polizia come personaggio principale forte e risoluto. Anche lo scudo sulla spalla è molto simile.

L’altra grande protagonista adulta della serie è Winona Ryder, madre di due dei ragazzi. Una cosa che salta all’occhio è l’acconciatura del suo personaggio, Joyce Byers, copiata direttamente da Meryl Streep in Silkwood (1983), anche se il suo ruolo è nato in Audrey Rose (1997), un film paranormale diretto da Anthony Hopkins.

Le foto di Will Smith in India: L'attore ha fatto visita al suo guru dopo aver schiaffeggiato Chris Rock agli Oscar

Will, Lucas, Dustin e Mike sono una banda di amici che ci ricorda molto i Goonies. E una scena in bicicletta – tra le tante – ci ricorda una certa fuga in E.T. (che condivide anche la pubblicità della Coca-Cola con Stranger Things). Infine, come dimenticare Poltergeist (1982) e i suoi metodi di contatto con l’aldilà attraverso l’elettromagnetismo.

Tolkien, Peter Jackson, Del Toro e Lovecraft

I ragazzi giocano a Dungeons & Dragons, affrontano il Demogorgone, parlano di Mirkwood, la foresta maledetta della Terra di Mezzo, e il segno distintivo della loro casa nella foresta è Radagast, il mago marrone che incontriamo ne Lo Hobbit.

La creatura è simile a molte di quelle immaginate da Lovecraft, che provengono da un mondo parallelo o nascosto al nostro, o dallo stesso Guillermo del Toro in Pan’s Labyrinth (2006). Ma senza dubbio anche quelli apparsi in The Mist di Stephen King, in particolare il mondo del Sottosopra.

Gli attori del "Café con Aroma de Mujer" che sono fidanzati nella vita reale: queste le loro foto più romantiche

In The Frighteners (1996) di Peter Jackson si può vedere una delle prime apparizioni della misteriosa creatura che si staglia contro le pareti.

Come potete vedere, Stranger Things è molto più della somma dei suoi elementi. Dimostra che l’ispirazione c’è, e tutto ciò che serve è la motivazione, il duro lavoro e il know-how. Più di mille bambini sono stati intervistati per trovare un cast in grado di interpretare i ruoli.