“La tua casa o la mia”: Il film con Reese Witherspoon e Ashton Kutcher che potresti evitare di vedere | RECENSIONE

Vi è stato raccontato di un film che è riuscito a creare più scalpore per quanto accadeva al di fuori del set che per la trama o l’interpretazione degli attori. “Your House or Mine” è il titolo di questa commedia romantica che ha visto protagonisti Reese Witherspoon e Ashton Kutcher, ma che ha attirato l’attenzione per i presunti contrasti tra i due attori durante un evento pubblico di promozione. Questa vicenda ha sollevato domande sulla natura delle relazioni sul set e sull’immagine che si vuole proiettare nel mondo dello spettacolo. Kutcher ha sottolineato che i media spesso interpretano in modo distorto le interazioni tra colleghi, creando facili succosi pettegolezzi.

"Ho perso tutta la mia vita": Ignacia Michelson rivela di essere stata vittima di hacking sui social network

Ma qual è la verità dietro le luci della ribalta? La trama del film, ambientata nell’arco di due decenni, ruota attorno all’amicizia tra Debbie e Peter, interpretati rispettivamente da Witherspoon e Kutcher. Questi due vecchi amici si ritrovano, dopo anni passati a chilometri di distanza, a condividere nuove esperienze e cambiamenti nella loro vita. Tuttavia, la narrazione sembra mancare di quella profondità e originalità che avrebbe potuto rendere la storia più coinvolgente per il pubblico.

La foto di Johnny Depp svenuta che Amber Heard ha scattato e che hanno rivelato al processo: "Dormivo"

A destare perplessità è anche la scelta dei personaggi secondari, che in molti casi sembrano aggiunti alla storia senza apportare un reale valore aggiunto alla trama principale. Dal vicino Zen che si trasforma da giardiniere a corteggiatore fino all’ex fidanzata di Peter che appare senza preavviso, questi personaggi appaiono come semplici convenzioni narrative piuttosto che elementi essenziali per lo sviluppo della storia.

E se l’umorismo è un elemento centrale per una commedia romantica di successo, sembra che in questo caso manchi il vero tocco comico che avrebbe potuto trasformare “Your House or Mine” in un’opera memorabile. Le dinamiche dei personaggi principali si svolgono in modo prevedibile e il potenziale interpretativo di attori del calibro di Witherspoon e Kutcher sembra non essere completamente sfruttato. Ci si trova di fronte a un film che, nonostante una promettente premessa, non riesce a trasmettere quel carisma e quell’originalità che lo avrebbero reso davvero indimenticabile.

Senza occhiali e con i capelli più lunghi: ecco come appare "Il professore" di "La Casa di Carta"

E così, ci si allontana dalle luci del red carpet per immergersi in un altro genere cinematografico, l’horror, con “Nefarious” del 2023. Questo film prometteva tanto con la sua premessa intrigante su un presunto assassino posseduto da un demone, ma ben presto si perde in un dibattito ideologico che sminuisce il suo impatto emotivo. L’opportunità di esplorare tematiche oscure e complesse si dissolve di fronte a un messaggio religioso che sovrasta la trama, creando una frattura con il pubblico che si aspettava un’esperienza di altro calibro. In conclusione, sia “Your House or Mine” che “Nefarious” si rivelano opere cinematografiche che, pur con potenziali interessanti, non riescono a incidere nel panorama del cinema con la forza e l’originalità sperate.

Recensione Fresh (2022) •