Il finale di “Blacklight” e l’unità operativa, spiegati: Travis Block è vivo o morto?

“Blacklight” è l’ennesimo tentativo di utilizzare o meglio sfruttare la reputazione di Liam Neeson come agente speciale a Hollywood. Il film non rientra in nessun genere specifico e cerca invece di trovare un adattamento tra azione e mistero. Non c’è nessun mistero qui, poiché sappiamo già chi sta tirando le fila. E per quanto riguarda l’azione, sono solo circa 5 minuti di spari per lo più alla cieca e mancati.

Riepilogo della trama di “Blacklight”

Sophia Flores, una civile innocente alla guida di un movimento sociale, viene uccisa da due uomini e la sua morte sembra essere un mordi e fuggi. Mira Jones, una giornalista, ha indagato sulla sua morte per oltre un anno perché pensa che Sophia sia stata uccisa, ma non ha prove. 

Nel frattempo, l’agente speciale Dusty Crane viene messo dietro le sbarre per aver colpito un agente di polizia. Travis Block viene inviato per riportarlo alla base. Mentre torna con l’auto di Travis, Dusty rivela che avrebbe incontrato un giornalista. Avverte anche Travis delle malefatte dell’FBI. Travis si ferma alla scuola di sua nipote Natalie per incontrarla, e Dusty riesce a sbloccare le sue manette e fugge. Mentre scappa, con Travis che lo segue, Dusty scambia alcune parole con Mira Jones. Travis riferisce della fuga di Dusty al suo amico, il direttore dell’FBI Gabriel Robinson, che lo ha assunto da tempo per assistere gli agenti bisognosi. D’altra parte, Mira non riesce ancora a convincere il suo capo, Drew Hawthorne, a stampare il suo articolo su Sophia Flores.

Travis cerca di saperne di più su Dusty ma non ci riesce. La sua relazione con sua figlia Amanda è tesa poiché è preoccupata che il sé paranoico di suo padre e il “lavoro sporco” 24 ore su 24 influenzeranno Natalie. Nel frattempo, all’insaputa di Travis, Robinson manda due persone ad uccidere Dusty, le stesse due che hanno ucciso Sophia. Dusty in qualche modo scappa ancora una volta.

Travis, che aveva notato Mira durante la prima fuga di Dusty, si rende conto che era la stessa giornalista di cui Dusty gli aveva parlato. La rintraccia e le chiede di farglielo sapere la prossima volta che Dusty la contatta.

Il giorno successivo, Travis segue Mira in un museo di automobili, dove trova lei e Dusty a parlare. Dusty vede Travis e cerca di scappare, ma si ferma solo per dirgli come l’FBI abbia ucciso civili innocenti agli ordini di Robinson. E che era lui quello che l’FBI stava usando come arma. Dusty vuole rivelare la verità al mondo e sta per scappare quando viene colpito a morte dai due agenti di Robinson. Travis si rende conto che qualcosa non va e si incontra con Mira. Qui, rivela come lui e Robinson hanno prestato servizio in Vietnam come giovani soldati. Più tardi, è stato Robinson a affidargli il suo attuale lavoro di far uscire gli agenti dell’FBI da situazioni compromesse. In cambio, Mira gli dice che Dusty ha menzionato qualcosa sull’Operazione Unity. Travis affronta Robinson sull’Operazione Unity, e conferma i suoi dubbi sull’uccisione di civili innocenti da parte dell’operazione (non ci è stato detto per quale motivo). Quando Robinson rifiuta, Travis lascia il lavoro, contro la volontà di Robinson. Subito dopo, Travis non è in grado di contattare in alcun modo sua figlia e sospetta il coinvolgimento di Robinson.

Il capo di Mira, Drew, pubblica il suo articolo a suo nome senza dirglielo. Come previsto, l’FBI uccide anche lui. Mira decide di ritenere l’FBI responsabile degli omicidi e dell’operazione Unity. Contatta Travis e lo convince a saperne di più sull’Operazione Unity dalla stessa casa di Robinson. Travis fa visita a Robinson e riesce a procurarsi un disco rigido con tutti i dati sull’operazione Unity. Ma prima che possa andarsene, viene arrestato dagli stessi due agenti di Robinson, che questa volta spara e uccide. Tuttavia, anche lui viene ferito e Robinson riesce a scappare. 

Il disco rigido rivela che Dusty è stato incaricato di uccidere Sophia, ma si è innamorato di lei e Robinson ne è venuto a conoscenza. Temendo che Dusty potesse dire tutto a Sophia e lei, che aveva le sue fonti e la sua influenza, potesse rivelare tutto al mondo, Robinson la fece uccidere e poi Dusty. Con una pistola puntata alla fronte, Travis ruba l’auto a Robinson e lo costringe a rivelare la verità sull’FBI e sull’operazione Unity, oltre a dove ha la figlia e la nipote di Travis. Alla fine, Robinson viene arrestato mentre Travis si unisce alla sua famiglia.

Il sentiero che “Blacklight” ci lascia da seguire è desolato. Maggiori informazioni su molti elementi del film avrebbero sicuramente contribuito alla trama e avrebbero avuto un impatto più forte. Per tutto il film, ci sono domande che indugiano nella mente che rimangono senza risposta. 

Cos’è l’operazione Unity?

L’operazione Unity, che l’FBI stava portando avanti agli ordini di Robinson, consiste essenzialmente nell’esecuzione di civili innocenti. Ma perché? E con quale risultato? Non ne abbiamo assolutamente idea. Ma ci deve essere una buona ragione per uccidere civili innocenti. È negli ordini della Casa Bianca mettere a tacere coloro che parlano contro il governo? O questi civili innocenti sono collegati in qualche modo? Ci sono molte domande che “Blacklight” lascia senza risposta. Per un film che vive di segreti, non rivelare quello su cui si basa il film è sicuramente un difetto.

Cosa è successo in Vietnam?

Aprile 1975. Questo è stato quando Travis ha servito in Vietnam al fianco di Robinson, rivela a Mira. Le dice di come ha erroneamente sparato al suo ufficiale in comando in missione mentre era appostato lì. È stato Robinson a tirarlo fuori dalla situazione, che lo ha scosso fino al midollo. Probabilmente ha lasciato l’esercito dopo quell’incidente. Furono 15 anni dopo (1990) che Robinson, che a quel tempo era nell’FBI, tornò da Travis e voleva che lavorasse per l’FBI in modo non ufficiale. Non ci viene data alcuna informazione su quei 15 anni durante i quali probabilmente sviluppò il suo disturbo ossessivo-compulsivo (come sottolineato da Mira). Tenendo presente che in Vietnam non aveva nemmeno 20 anni, nel 1990 avrebbe compiuto 35 anni al massimo. Probabilmente si è sposato e ha avuto una figlia, cioè Amanda. Tuttavia,

Forse, questa paranoia è stata anche la ragione per cui sua madre (la moglie di Travis) li ha lasciati. Può anche darsi che Amanda abbia alcune delle paranoie di suo padre a cui non vuole cedere e quindi viva separatamente con sua figlia. A questo punto ci viene anche da chiedersi cosa abbia portato al divorzio di Amanda. Era di nuovo la paranoia?

Qual era il disturbo ossessivo compulsivo di Travis?

Come pubblico, abbiamo bisogno di entrare in contatto con Travis per capire il suo disturbo ossessivo compulsivo, qualcosa che “Blacklight” trascura. Anche se sappiamo che è un agente da più di 20 anni, non stabilisce il suo disturbo ossessivo compulsivo. Travis dice a Mira che fare le cose tre volte lo aiuta a sopprimere i pensieri nella sua mente dal ripetersi. Cita come a volte il suo disturbo ossessivo compulsivo lo renda migliore in quello che fa, cioè assicurarsi che tutto sia sicuro e protetto, compresa la casa di sua figlia. Tuttavia, altre volte, sente che dovrebbe essere rinchiuso. Anche questo ha senso poiché proprio questo comportamento è ciò che lo ha allontanato da sua figlia e sua nipote. 

Dato per scontato che non sia insolito che un agente sia così, un po’ più di prova del suo disturbo ossessivo compulsivo avrebbe stabilito l’arco ironico del personaggio di Travis, preoccupato per la sicurezza della sua famiglia e per il suo rapporto con loro. Il motivo per cui diciamo “ironico” è che è la sua preoccupazione generale per la loro sicurezza che a sua volta li ha portati a stare lontano da lui, se non ad allontanarlo. Eppure, dobbiamo accontentarci di quello che abbiamo: un agente paranoico con DOC.

Robinson è un insolito direttore dell’FBI

Per qualcuno che è il direttore dell’FBI, alcune delle azioni e delle inazioni di Robinson sono sorprendenti. La prima cosa che potrebbe aver colpito molte menti è che Robinson avrebbe facilmente usato il passato di Travis come leva contro di lui quando ha lasciato il lavoro. Dopotutto, Travis ha ucciso il loro ufficiale in comando, qualcuno che il mondo probabilmente pensa essere KIA (grazie a Robinson). Ma Robinson non lo fa. Lascia che il passato sia passato. È questa la sua buona volontà? O è qualcosa che i creatori hanno perso? O potrebbe anche essere che non sapessero come andare in quella direzione, quindi si sono lasciati sfuggire perché se Robinson avesse usato il passato di Travis come leva, “Blacklight” sarebbe stato un’ora in più.

C’è un’altra cosa che non sembra logica. Verso la fine di “Blacklight”, Travis ruba l’auto a Robinson. Innanzitutto, il direttore dell’FBI viaggia da solo? È un dato di fatto che il direttore dell’FBI ha il suo personale di sicurezza, autisti e assistenti. Ma qui non ne vediamo nessuno. Piuttosto, è Travis che guida l’auto, anche se perdoniamo questo errore poiché è uno stretto collaboratore di Robinson. Ma quello che segue è lui e Travis che si sparano a vicenda in mezzo a una strada. Questo è qualcosa che avrebbe potuto essere evitato, poiché Travis avrebbe potuto portarlo a casa sua o in un luogo nascosto (considerato che è un agente segreto, c’è sempre una camera degli interrogatori, giusto?). Semplicemente non va bene con il tipo di posizione che Robinson occupa insieme alla sua esperienza. Ancora qui, quando Travis gli punta una pistola alla fronte e lo costringe a rivelare la verità al mondo, Robinson avrebbe potuto semplicemente ricordargli il suo passato. Tuttavia, non lo fa e soccombe alle richieste di Travis.

Spiegazione finale di “Blacklight”: Travis Block è sicuro?

L’ultima scena di “Blacklight” mostra Travis che riprende la sua famiglia e Robinson viene arrestato per i suoi crimini. Tenendo presente che è il direttore dell’FBI, non è insolito pensare che debba avere persone esterne che lavorano per lui con le quali può spargere la voce su Travis Block e la sua famiglia. 

Per persone come Travis, c’è una lunga lista di nemici. Aveva già detto a Mira che aveva il suo nome su ogni sorta di cose come effrazione, estorsioni, occasionali coercizioni fisiche, tutto tranne che omicidio. Quindi, mentre la paranoia di Travis rappresenta un problema per Amanda e sua figlia, è necessaria.

Scopri come guardare in diretta i Golden Globes 2024 su HBO Max! ✨