“8 cose che lo show live-action di Death Note di Netflix deve fare diversamente dal film del 2017”

Death Note sta ottenendo un’altra occasione di essere adattato in live-action da Netflix, ma ha bisogno di fare le cose per bene e imparare dagli errori del 2017.

Death Note sta ottenendo un’altra trasposizione live-action da Netflix, ma per rendere giustizia alla serie, deve evitare alcuni errori fatali della trasposizione del 2017.Death Note è una popolare serie manga giapponese pubblicata tra il 2003 e il 2006, che ha poi ispirato una serie anime nel 2006.

Da allora, la serie ha ispirato diverse altre trasposizioni, incluso un film live-action prodotto per Netflix nel 2017.

Come molte altre trasposizioni live-action di anime, il film è stato un fallimento critico, ottenendo recensioni per lo più negative.

Tuttavia, Netflix ha recentemente annunciato che un’altra trasposizione live-action dell’anime della serie è in lavorazione, questa volta come serie TV creata dai creatori di Stranger Things, i fratelli Duffer.

Passare da un film a una serie è un buon inizio, ma ci sono altri elementi che i Duffer dovranno migliorare rispetto alla precedente trasposizione per creare un adattamento di successo.

Fortunatamente, con il film del 2017 a disposizione, è facile evidenziare alcuni dei molti elementi che il film ha fatto male per aiutare a migliorare le possibilità di successo della futura serie.

I figli di Luis Miguel e Aracely Arámbula si rifiutano di uscire in pubblico dopo essere stati molestati: "Non vogliono essere artisti"

Innanzitutto, la nuova serie dovrà trovare il protagonista giusto per avere qualche possibilità di conquistare i fan.

Light Yagami era un personaggio estremamente complesso che aveva sentimenti contrastanti sull’uso del Death Note, finché non ne divenne dipendente dal potere.

Light Turner, invece, non aveva scrupoli nell’usare il Death Note ed era per lo più privo di emozioni.

Il personaggio principale deve avere delle qualità riscattabili e un senso di genialità per consegnare il personaggio come previsto e rendere la serie più avvincente.

Uno degli aspetti più coinvolgenti dell’intera storia è la relazione tra Light e L.

Nel manga e nella serie anime originale, i rivali sono coinvolti in un gioco del gatto e del topo tra due giovani uomini altrettanto geniali.

A volte sembra che uno dei personaggi abbia la meglio, solo per poi ribaltarsi improvvisamente e far emergere l’altro personaggio.

Il film ha mancato un vero collegamento tra i due personaggi principali e ha perso così una parte vitale di ciò che rendeva la storia coinvolgente e divertente.

Uno degli elementi centrali del personaggio di Light è il desiderio di sfuggire alla cattura e continuare a dispensare la sua giustizia vigilante.

{Amore e Morte: Elizabeth Olsen in un coinvolgente episodio finale | ANALISI}

Anche se il film ha dovuto comprimere la storia, mancava un senso di Light che cercava di evitare di essere catturato, con la maggior parte delle sue azioni completamente sconsiderate e spontanee, anziché ben pensate e finalizzate a proteggere la sua identità.

Per mantenere la serie interessante e Light al controllo del Death Note, la nuova serie dovrà mostrare Light che mette in atto astuti stratagemmi per evitare di essere catturato e rimanere un assassino anonimo il più a lungo possibile.

Nel manga e nella serie anime, L è estremamente eccentrico, fino al punto che gli altri faticano a capirlo.

Nonostante ciò, la sua posizione di investigatore di fama mondiale e le sue straordinarie capacità gli guadagnano il rispetto di chiunque gli stia intorno.

Una delle ingiustizie più grandi del film Death Note del 2017 deriva dal mancato rispetto nei confronti del personaggio di L e dalla sua trasformazione in una semplice buffoneria, anziché un personaggio centrale.

Il personaggio appariva troppo emotivo e gli altri non riconoscevano la sua importanza e intelligenza, minando la sua credibilità con il pubblico.

5 cose che devi sapere su Hellbound, la serie che terrorizza su Netflix.

La storia originale di Death Note non ruota intorno a una storia d’amore, con la maggior parte della trama incentrata sulla rivalità tra Light e L.

Quando vengono introdotti personaggi femminili come potenziali interessi romantici di Light, lui li vede solo come pedine nel suo gioco, strumenti da usare per servire lo scopo che ritiene importante.

Il film live-action anime di Netflix non ha riconosciuto questo, e sebbene le scene finali del film vedano Light comportarsi più come nel materiale originale, il film dedica del tempo allo sviluppo di una storia d’amore che è priva di significato.

La conclusione del Death Note del 2017 vede Light tradire il suo interesse amoroso, Mia Sutton, per evitare di essere catturato.

Tuttavia, questa conclusione non è coerente con la storia fino a quel momento.

Sebbene sembri più autentica al materiale originale, l’intera storia deve essere coerente e consegnare il messaggio generale.

Se Light riesce alla fine a fare una mossa astuta, deve essere stabilito che è capace di farlo o che sviluppa le abilità per portare a termine questo tipo di trucco complicato.

Il personaggio non può improvvisamente diventare un geniale stratega.

"Il suono della libertà": la recensione di un film che delude le aspettative con un protagonista dall'ego smisurato

Ryuk è un potente essere demoniaco nel manga, ma gran parte del suo personaggio è ridotto a un semplice spirito spaventoso nel film.

Ryuk è uno Shinigami, desideroso di trarre piacere dal portare nella dimensione umana un potente oggetto, noto come Death Note, e causare caos e disordine.

Le sue motivazioni per ciò che fa derivano da un piacere per le faccende infantili dell’umanità con l’introduzione dei suoi poteri superiori.

Nel film del 2017, Ryuk aveva poche motivazioni, appariva inconsistente e mancava di qualsiasi dimensione reale.

Il film diventa chiaramente una storia di antieroe, con Light come protagonista immorale.

Parte di ciò che rende le storie originali brillanti è un senso d’ambiguità sulla moralità dei personaggi e delle loro azioni.

Uccidere è sbagliato, ma Light elimina alcune delle peggiori persone della società, inclusi stupratori e assassini.

L è un brillante detective che cerca di portare Light alla giustizia, ma a volte i suoi metodi sembrano distanti e freddi.

La storia è stratificata e stimolante, e questo dovrebbe essere vero nella serie adattata da Netflix di Death Note, altrimenti non riuscirà a catturare ciò che rendeva le storie originali preziose.