La più grande felicità di Leo Messi dentro e fuori dal campo: i suoi tre figli

Tornare a casa e farsi salutare dai figli con un sorriso è la più grande ricompensa per il capitano della squadra del Barcellona, Lionel Messi. A 33 anni, combina perfettamente l’essere considerato il miglior giocatore di tutta la storia, con il suo ruolo di padre devoto e amorevole di tre piccoli.


Insieme all’amore della sua vita, Antonela Roccuzzo, la ragazza che ha conosciuto quando aveva appena nove anni, hanno formato la famiglia che ha sempre sognato e bramato quando è fuori casa ad assolvere ai suoi impegni sul campo da gioco.

Attualmente detiene centinaia di riconoscimenti e record nella sua impeccabile carriera di calciatore, ma il suo orgoglio sono i tre uomini che oggi potrebbero essere uno dei successori del numero 10 della squadra.

Tre figli maschi che sono il ritratto di Leo Messi

Antonela Rocuzzo ha fatto scalpore sui socialnei giorni scorsi quando ha pubblicato sulle sue “storie” Instagram un collage di fotografie con l’immagine d’infanzia del marito e dei loro tre figli. “Proprio come me, giusto? @leomessi”, ha scritto a proposito dell’immagine, a cui il fuoriclasse del calcio ha risposto anche sul suo account Instagram ufficiale e che è diventata presto virale tra i suoi fan.

La fidanzata di Cristiano Ronaldo rivela le faccende domestiche che al giocatore è vietato fare

Thiago di 8 anni, Mateo di 5 e Ciro di 3, sono i piccoli campioni di Messi che rubano l’attenzione dei suoi fan quando lui o sua moglie li mostrano sui loro social network.


Orgoglioso della sua personalità, ha commentato le differenze che i suoi due figli maggiori hanno in un’intervista per lo show televisivo TyC Sports tre anni fa, prima che nascesse il più giovane, Ciro.

Usain Bolt è diventato padre di gemelli: ha dato l'annuncio in occasione della festa del papà

Con buon umore ha descritto i bambini: “Mateo è un personaggio. Sono molto diversi. Thiago è un fenomeno, più buono e l’altro è il contrario, un figlio di puttana. È bello vedere quanto siano diversi l’uno dall’altro”, ha citato il portale As in una pubblicazione .


Sebbene molti penserebbero che il fratello maggiore volesse seguire le orme del padre, in realtà non è così. Ha riconosciuto che Thiago non è appassionato di calcio: “Gli piace, ma è così. Gioca per un po’ e stancati “, ha detto, menzionando che vede i geni più in pista in Mateo, perché “calcia bene”.


I tre figli della stella del calcio hanno molti tratti del padre, ma è anche vero che i tratti di Antonela sono presenti.

l'Inter chiarisce quando è stato registrato il controverso video di Arturo Vidal

La gioia di Mateo

Mateo è sempre irrequieto, il secondogenito che si è guadagnato le risate e l’amore dei milioni di fan de “La Pulga”. Suo padre riconosce dove può andare e lo racconta sempre apertamente nelle sue interviste. Senza dubbio è il più estroverso e con una personalità unica, che lo rende speciale. 


Lo chiamano “l’anti-Messi”, dice il giocatore, ricordando che prende sempre in giro il fratello Thiago quando Barsa perde una partita. Lo rende anche irritabile quando dice “Papà perderà” o quando dice che andrà in un’altra squadra, solo per “farlo riscaldare”, ha detto 20Minutos.


Il tesoro di casa

Il 10 marzo 2021 Ciro ha spento le candeline dei suoi 3 anni e l’influencer argentino lo ha festeggiato mostrando quanto è grande il più giovane della maison.

Ragazzo afgano con la maglia di plastica di Messi teme dopo l'arrivo dei talebani: "Salvami da questa situazione".


E pochi giorni dopo, l’orgoglioso padre ha postato un’altra foto con il figlio e ha fatto scalpore: “Qui a prendere un caffè con Batman”, ha scritto sulla cartolina in cui si vede il ragazzo che guarda la telecamera con indosso una felpa blu con un disegno del pipistrello in argento sul petto.


Più di 8 milioni di follower hanno dato un “Mi piace” alla foto che ha toccato le reti mostrando quanto sia grande e bello il più giovane di Messi-Roccuzzo.


Gli occhi grandi e i capelli a onde sono oggetto di molti confronti con il padre, ricordando sempre la grande somiglianza che hanno con il giocatore che, nonostante abbia una grande fama, è un uomo timido quando si tratta di parlare davanti alle telecamere.