Confermano la condanna di Robinho a 9 anni di carcere per stupro di gruppo

Quello che è successo?

La Corte di Cassazione, l’ultima istanza giudiziaria italiana, ha confermato questo mercoledì una condanna a nove anni di reclusione per il calciatore brasiliano Robson de Souza , meglio noto come Robinho , per il reato di stupro di gruppo commesso ai danni di una giovane donna a Milano nel 2013.

Cosa hanno detto i giudici?

Dopo la determinazione, è stato riferito che l’ex stella del Santos e del Real Madrid deve scontare questa pena in Italia o nella sua terra d’origine, il Brasile.

Nello specifico, i giudici della terza sezione penale, riuniti a Roma, “hanno ritenuto inammissibile il ricorso presentato dal giocatore e che quindi la sentenza è definitiva”, ha detto alla stampa l’avvocato della vittima, Jacopo Gnocchi .

Un gran gol di Alexis Sánchez all'ultimo minuto regala all'Inter la Supercoppa

Un totale di quindici magistrati italiani hanno ritenuto che le accuse siano state ampiamente verificate. Il nostro augurio è che il Brasile esegua la sentenza “, ha detto l’avvocato.

Robinho, che allora giocava per il club italiano AC Milan, non ha partecipato a nessuna delle udienze. A sua volta, è stato condannato in contumacia e si è difeso tramite un avvocato.

Per il difensore della vittima, che ha assistito all’udienza a Roma insieme al suo assistito, è necessario che vengano perseguite anche le altre persone (quattro brasiliane amiche del giocatore) che hanno partecipato allo stupro di gruppo.

 

dossier AFP

 

Com’è successo l’episodio?

L’aggressore brasiliano di 37 anni, insieme all’amico Ricardo Falco , era stato condannato per la prima volta nel 2017, nello specifico, dal tribunale di Milano, e condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo nei confronti di una giovane donna di origine albanese. nazionalità, che stava festeggiando il suo 23esimo compleanno in un noto locale milanese.

Il figlio di David Beckham che è un modello, ama il calcio ed è già più alto di suo padre

Secondo la denuncia, Robinho, insieme ad altri cinque connazionali, avrebbe fatto bere la giovane « al punto da renderla priva di sensi e incapace di resistere » e poi avrebbe intrattenuto «più volte di seguito rapporti sessuali» con lei.

Nel dicembre 2020 la Corte d’Appello di Milano ha confermato la sentenza per il giocatore e ha ritenuto che il calciatore avesse agito con “particolare disprezzo per la vittima, che è stata brutalmente umiliata”, si legge nella sentenza del caso.

Chi è Antonella Roccuzzo, la moglie di Lionel Messi

In tutti questi anni Robinho ha difeso la sua innocenza e ha presentato ricorso contro la sentenza, fino ad arrivare al terzo e ultimo grado questo mercoledì.

 

dossier AFP

 

estradizione del giocatore

Dopo la conferma della condanna da parte del più alto organo giudiziario, l’Italia deve seguire una serie di passaggi, tra i quali potrebbe chiedere l’estradizione e ordinare un mandato d’arresto internazionale.

“C’è un trattato che consente l’estradizione per reati comuni, come questo, anche se molto grave. Il trattato è del 1989 ed è stato ratificato nel 1991. So che la Costituzione brasiliana non consente l’estradizione dei cittadini brasiliani. Ma Penso che il Brasile sia un grande Paese e sicuramente può interpretare i trattati”, ha spiegato.

Il messaggio di "China" Suárez che sarebbe stato il motivo della rottura tra Mauro e Wanda Icardi

Ciò significa che non è escluso che le autorità di entrambi i Paesi raggiungano un accordo per scontare la pena in territorio brasiliano.

Se fosse in Italia andrei in galera. Ora la palla passa al Brasile, che se ne occuperà in base alla sua Costituzione “, si è concluso.

Se sei una vittima o un testimone di violenza contro le donne, il telefono di orientamento fornito da @minmujeryeg è 1455. Il numero può essere composto sia da rete fissa che da cellulare e da lì forniscono indicazioni per aiutare le vittime di abusi o guidarti con i meccanismi per sporgere denuncia.