Viene pagato per essere se stesso: il nuovo lavoro di Simon Leviev, “Il Truffatore di Tinder”

Simon Leviev , conosciuto in tutto il mondo come “Il Truffatore di Tinder” , ha trovato un lavoro per il quale riceve ingenti somme di denaro, grazie a un’applicazione chiamata Cameo, dove viene pagato per essere se stesso.

Essere se stesso è qualcosa a cui Leviev non era abituato da anni, poiché nel film che Netflix ha pubblicato sulla sua vita, è stato rivelato come ha ingannato decine di donne, falsificando identità che non gli corrispondevano, principalmente di miliardari.

Il lavoro di Simon Leviev

Secondo l’indagine svolta dal sito di intrattenimento americano, TMZ , il “truffatore di Tinder” si è iscritto martedì scorso, 15 febbraio, nell’app Cameo.

Questa piattaforma mette in contatto persone con celebrità registrate, con l’obiettivo di ottenere da loro un saluto personalizzato, in cambio del pagamento di una somma di denaro. 


Nei suoi primi tre giorni, il giovane ha fatto cento saluti ai suoi fan, ai quali addebita $ 200 dollari per un video personale e $ 2mila dollari se deve essere utilizzato in un’azienda.

Fonti hanno rivelato a TMZ che il giovane è riuscito a guadagnare $ 30.000 dollari in 72 ore , qualcosa come $ 24 milioni in pesos cileni.


Sebbene la cifra sia importante, sembra minuscola rispetto a tutto ciò che ha rubato secondo il documentario disponibile su Netflix, che ha rivelato che Leviev ha ricevuto 10 milioni di dollari , che in pesos cileni, sono più di 8 miliardi di dollari.

Per quanto sopra, nel 2019 Simon ha trascorso circa cinque mesi in carcere con l’accusa di frode. Lo schema che aveva per ingannare le donne era simile a uno schema piramidale. Questo perché Leviev prendeva soldi da una donna per impressionare l’altra, subito prima di derubare anche lei. 

L'inaspettato aiuto ricevuto da un uomo in una situazione di strada diventata virale mentre festeggiava i compleanni dei suoi cani