Tre mesi dopo la sua morte: Tomiii canale 11 su YouTube riceve il bottone di diamante

Il 30 agosto è venuto a mancare il piccolo youtuber cileno Tomiii 11, che ha commosso i social con la sua storia, per via del suo sogno di diventare famoso sulla piattaforma video mentre affrontava una malattia aggressiva.

La sua fama è andata anche oltre i confini del Cile, con famosi giocatori internazionali o streamer che dedicano messaggi o fanno riferimento alla sua situazione.

Le foto del principe William in una presunta infedeltà a Kate Middleton diventano virali sui social

 

Uno dei sogni di Tomi era ricevere premi da YouTube per aver raggiunto un certo numero di iscritti. Nella vita ha potuto godersi il bottone d’argento e d’oro, e ora la sua famiglia ha ricevuto il bottone di diamante, per aver raggiunto 10 milioni di follower sul suo account.

Attraverso un video, le persone vicine al bambino hanno eseguito l'”unboxing” del premio, che ha raggiunto la sua casa situata nella regione di O’Higgins.

Il tribunale Usa conferma l'ergastolo contro "El Chapo" Guzmán per traffico di droga e riciclaggio di denaro

Guarda il video qui

Il futuro di Tomiii Canale 11

“Chiunque vorrebbe il lavoro di Tomi, non può essere perso, abbiamo il dovere di continuare con questo”, ha spiegato Vicente Blanch, il padre del minore.

Ha spiegato che “visto che Tomás non ci sarà, pensiamo di mettere il canale a disposizione dei bambini che vogliono essere youtuber, poiché la sua piattaforma ha molti iscritti che potranno essere visualizzati”.

"Lui è un toro": L'attrice italiana che ha conquistato il cuore di Gianluca Vacchi prima di Sharon Fonseca


In compenso ha ringraziato i milioni di iscritti del ragazzino, che chiama il “papus”, frase che lo stesso Tomi ha reso virale. “Hanno reso felice un bambino e questo non ha valore. Come padre del bambino che hanno reso felice, digli che li amo, li adoro, grazie mille da tutta la famiglia”, ha concluso.

La critica che Gianluca Vacchi ha ricevuto per aver fatto la sfida di Anitta: "Né esotico, né erotico, piuttosto ridicolo"