L’FBI conferma che il fidanzato dell’influencer assassinato ha confessato il crimine in una nota scritta

Il fidanzato di Gabby Petito , influencer il cui omicidio ha sconvolto gli Stati Uniti lo scorso anno , ha confessato per iscritto prima di togliersi la vita di averla uccisa, secondo quanto riportato dall’FBI.

“Una revisione del taccuino ha rivelato dichiarazioni scritte da Brian Laundrie in cui si assumeva la responsabilità della morte di Petito”, ha affermato l’FBI in una nota.

“L’indagine non ha identificato nessun altro individuo, oltre a Laundrie, coinvolto nella tragica morte di Gabby Petito”, ha affermato l’agente Michael Schneider nel documento.

Shorts e blazer: il look estivo di Meghan Markle per accompagnare il principe Harry a una partita di polo

La famiglia di Petito era convinta della responsabilità del compagno della figlia dopo l’incontro con la polizia. “La qualità e la quantità dei fatti e delle informazioni raccolte dall’FBI non lasciano dubbi sul fatto che Brian Laundrie abbia ucciso Gabby”, ha affermato in un documento condiviso dal suo avvocato.

Da notare che Brian Laundrie si è suicidato sparandosi alla testa , dopo aver sollevato sospetti sulla morte del suo compagno. Il suo corpo è stato trovato il 20 ottobre in una riserva naturale nel nord della Florida, nel sud-est degli Stati Uniti, insieme a vari oggetti, tra cui un taccuino.

"Lui è un toro": L'attrice italiana che ha conquistato il cuore di Gianluca Vacchi prima di Sharon Fonseca

La scomparsa di Gabby Petito

Laundrie, 23 anni, e Petito, 22, hanno lasciato New York a luglio per visitare gli Stati Uniti occidentali in un furgone per quattro mesi. Per giorni hanno diffuso sui social le immagini in cui sono stati visti sorridere.

Tuttavia, il 1 ° settembre, Laundrie tornò senza di lei a North Port, in Florida, dove vivevano entrambi con la sua famiglia. Il 13 settembre, nel frattempo, è fuggito dopo essersi rifiutato di rispondere alle domande della polizia.

"Human Barbie" mostra la sua routine per partecipare al Carnevale in Brasile

I peggiori presagi sono stati confermati per quanto riguarda Petito. Il suo corpo è stato trovato il 19 settembre nel Grand Teton National Park nel Wyoming e il 12 ottobre è stato annunciato che era stata strangolata a morte.

Un video diffuso a settembre dalla polizia di Moab, una cittadina dello Utah, aveva ulteriormente sollevato sospetti intorno a Laundrie. Nelle immagini, Petito è apparso piangendo in macchina, dopo che la polizia è intervenuta a causa di una lite con lui.

Bagni in acqua ghiacciata o docce fredde: così funziona il "segreto della giovinezza" di Gianluca Vacchi