La Colombia sopprime i malati non terminali: “Apri le porte agli altri pazienti che verranno dopo di me”

Víctor Escobar ha deciso di morire questo venerdì e di renderlo pubblico. È uno dei primi latinoamericani a porre fine alla sua vita senza essere malato terminale e ha voluto “ aprire una porta ” affinché altri potessero accedere alla morte assistita sotto la protezione di una decisione della giustizia colombiana.

“Non ti dico addio fino a tardi”

Poche ore dopo la fine della sua vita, il 60enne ha festeggiato la ” vittoria di una battaglia legale” di oltre due anni per riposarsi dalla broncopneumopatia cronica ostruttiva che gli impediva di respirare da solo.

A poco a poco il turno di ciascuno sta arrivando, quindi non vi saluto se non dopo. E a poco a poco ci ritroveremo dove Dio ci ha”, ha riflettuto il cattolico Escobar in un video inviato ai media.

Jasmine Tookes, la modella di Victoria's Secret fidanzata del figlio dell'attuale vicepresidente dell'Ecuador

È morto nella città di Cali (sud-ovest) sotto assistenza medica, come confermato dal suo avvocato su Twitter. Nelle ultime immagini, è stato visto sorridere con la sua famiglia.

Eutanasia in Colombia

La Colombia ha depenalizzato la morte assistita nel 1997 e nel luglio 2021 il sistema giudiziario ha ampliato il ” diritto a una morte dignitosa ” per i pazienti che non sono in fase terminale. È il primo Paese latinoamericano a compiere quel passo e uno dei pochi al mondo nonostante la sua tradizione cattolica.

Video: L'influencer Yeferson Cossio è caduto mentre cercava di sedersi su una sedia a rotelle

“Mi sentivo già molto male, sentivo che i miei polmoni non mi rispondevano “, ha spiegato Escobar all’AFP nell’ottobre dello scorso anno, quando stava combattendo l’ultimo capitolo della sua lunga battaglia legale per morire.

Il diabete e le conseguenze di un incidente cardiovascolare hanno aggravato le condizioni di Escobar e lo hanno lasciato su una sedia a rotelle, dove gli spasmi hanno scosso il suo corpo.

Eutanasia sostenuta dalla famiglia

“Non avrebbero mai immaginato che qualcuno nella mia famiglia avrebbe preso una decisione del genere, ma grazie a Dio tutti mi hanno dato il loro pieno sostegno “, ha un crocifisso sulla schiena.

Shock per i giovani rapiti che sono stati costretti a scavare la tomba in Colombia

In Europa solo Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo e Spagna hanno legalizzato l’eutanasia. Sebbene la Colombia si unisca alla misera lista mondiale, ci sono ancora delle lacune che impediscono l’adempimento di quel mandato.

Fino alla metà del 2021 pazienti come Víctor – che soffrono di malattie croniche ma la cui aspettativa di vita supera i sei mesi – non hanno potuto accedere alla procedura.

Il brasiliano che ha vinto la lotteria in Italia due volte in 20 giorni

“Voglio che la mia storia sia conosciuta”

Sono stati costretti a vivere in condizioni che non sono degne contro la loro volontà “, spiega ad AFP Mónica Giraldo, direttrice della ONG Fundación Derecho a Morir Dignamente.

Giraldo assicura che tre pazienti non terminali hanno già accettato l’eutanasia a seguito della sentenza. Escobar è il primo a farlo pubblicamente.

Voglio che la mia storia sia nota perché apre un filo in modo che i pazienti come me, che sono pazienti degenerativi, abbiano una porta aperta in modo che possano richiedere il loro riposo”, ha spiegato Escobar.