30 anni dopo l’attacco di Pablo Escobar a César Gaviria dove morirono 110 persone people

Mercoledì 27 novembre  ricorre il 30° anniversario dell’esplosione del volo Avianca 203. Un attacco progettato da Pablo Emilio Escobar che ha cercato di porre fine alla vita del candidato presidenziale nel 1989, César Gaviria. Tuttavia, il suo macabro gioco non andò molto bene perché chi sarebbe poi diventato presidente non era a bordo dell’aereo. 

Una tragedia per la Colombia

Alle 7:16 di lunedì 27 novembre 1989, un’enorme esplosione scosse tutta la Colombia. Si trattava del volo 203 della principale compagnia aerea del Paese, Avianca, che appena cinque minuti dopo essere decollato dall’aeroporto El Dorado di Bogotà in direzione di Cali, è andato in pezzi su Soacha, un comune vicino, uccidendo sul colpo 107 persone che erano a bordo e altri tre che erano proprio dove è caduto. 

Puoi anche vedere

Trump afferma che designerà i cartelli messicani come “gruppi terroristici”

L’attacco era stato ordinato dal boss del cartello di Medellín, Pablo Escobar, che cercava di assassinare la futura prima autorità del paese  e prendere il controllo del Senato colombiano. Tuttavia, César Gaviria non ha preso il volo, poiché era stato precedentemente allertato dai suoi consiglieri per la sicurezza, che hanno evitato una grande tragedia nazionale.

Foto AFP

L’esplosione è avvenuta quando l’aereo Boeing 727 con piastre HK 1803 ha iniziato a superare i 10.000 piedi di altezza. Appena un minuto prima dell’esplosione, il capitano José Ignacio Ossa ha fatto rapporto alla torre di controllo e si è diretto verso Girardot e poi si è diretto a Cali, che dista solo 32 minuti.

Primi indizi dell’attacco

Dopo aver visto la portata di ciò che stava accadendo, il governo colombiano è stato cauto con le informazioni e ha chiesto aiuto agli Stati Uniti per chiarire il fatto. In meno di 48 ore, persone del National Transportation Safety Board, della Federal Aviation Administration e dell’FBI sono arrivate a Bogotà per indagare sull’accaduto.

Le prime versioni erano voci, e le prime segnalate erano “Los Extraditables” (guidato anche da Escobar), un sindacato mafioso composto da cartelli di Medellín e Cali, che avevano dichiarato guerra al governo colombiano e ai politici che promuovevano l’estradizione. : “Preferiamo una tomba in Colombia a una prigione negli Stati Uniti”, era il suo motto.

Colpevole

Le voci sono state confermate quando il capo dell’aeronautica civile ha sottolineato che un passeggero, di nome Alberto Prieto,  era l'”uomo bomba” ingannato dal cartello di Medellín. A quanto pare, un individuo di nome Julio Santodomingo aveva comprato due biglietti per il volo Avianca 203, uno per lui e uno per Prieto, ma quando Santodomingo arrivò in aeroporto confermò che non poteva viaggiare, così chiese al suo compagno di “registrare dei rospi”.

Quando queste persone, dalla fila 14, hanno cominciato a parlare, Prieto ha cercato di registrare, ma quando ha aperto la valigia che gli avevano dato per questo scopo, ha fatto esplodere una bomba che ha fatto esplodere l’aereo. 

Anni dopo, John Jairo Velásquez Vásquez, alias Popeye, l’ex sicario di Escobar, rivelò che proprio il suo “capo” era stato responsabile di questo attacco: “L’aereo Avianca è stato fatto esplodere per ordine di Pablo Emilio Escobar Gaviria e del cartello di Medellín”..

I narcos sono scesi in piazza in Colombia

L’attacco all’aereo Avianca è avvenuto in un contesto di paura e pericolo a causa degli omicidi che si erano generati in Colombia contro il governo negli ultimi tempi. Se facciamo una breve recensione, Pablo Escobar è stato responsabile di diversi decessi in quel paese:

  • Il 4 luglio 1989 ha piazzato a Medellín un’autobomba con 100 chili di dinamite destinata al colonnello di polizia Valdemar Franklin Quintero. Tuttavia, a morire fu l’allora governatore di Antioquia: Antonio Roldán Betancur. 
  • Il 18 agosto dello stesso anno, il colonnello Franklin fu ucciso al mattino
  • Quella stessa notte, il 18, ordinò l’assassinio del candidato presidenziale Luis Carlos Galán Sarmiento, per aver denunciato pubblicamente i crimini di Escobar, oltre ad avere l’estradizione dei narcotrafficanti come motto della sua campagna. 
  • Il 2 settembre 1989 ha piazzato una bomba nella sede del quotidiano El Espectador, il cui direttore, Guillermo Cano, è stato assassinato nel 1987.
  • La violenza stava sfuggendo di mano e questo è diventato chiaro dopo che Escobar ha ordinato la morte di un arbitro per la disputa sui risultati di una partita. Ricordiamo che a quel tempo i narcotrafficanti possedevano la maggior parte delle squadre di calcio.

Senza dubbio, i suoi crimini, attacchi e omicidi hanno reso quell’anno uno dei più sanguinosi della storia colombiana.

Alla ricerca del criminale

Tutti questi crimini hanno generato una ricerca immediata dei leader di entrambi i cartelli (Medellín e Cali), quindi l’indagine sulla posizione di Pablo Escobar è stata “la meglio pagata”. 100.000.000 di pesos colombiani (più di 22 milioni di pesos cileni) è stata la ricompensa a chi ha offerto l’ubicazione di questo narcotrafficante che, dopo anni di nascondersi e scontare la pena nelle carceri “di lusso”, è stato ucciso dalla polizia speciale colombiana. 

Foto AFP

Nonostante la sua morte, sono molti i fan del più importante narcotrafficante della storia. Infatti, in alcune località di Bogotà e Cali sono presenti grandi murales che rendono omaggio a chi li ha “aiutati per anni”, nonostante sia stato a prezzo di delitti e delitti importanti. 

Foto AFP

L'eredità selvaggia di Pablo Escobar: i suoi ippopotami causano seri problemi in Colombia