Il “terrificante” museo delle cere in Brasile che spaventa i suoi visitatori

Arlindo Armacollo non ha mai rinunciato alla sua idea di condurre una vita migliore e di fare ciò che ha sempre voluto. È per questo motivo che all’età di 77 anni è diventato un personaggio di fama mondiale, grazie alle sue  sculture di cera esposte a Paraná, in Brasile.

A differenza di importanti e imponenti musei di questo tipo,  come quello di Las Vegas, quello di Arlindo ha una fama molto particolare, ma per la natura terrificante di ciascuno dei personaggi che vi si trovano.

Ed è che oltre a poter essere ammirata, ciascuna delle figure sembra uscita da un film dell’orrore, al punto che gli utenti dei social hanno battezzato il luogo come “Brazilian Horror Story”.

Meme in tutto il mondo

Secondo la rassegna dei media locali, le “opere” di Arlindo sono diventate famose, dopo essere diventate meme, dopo un servizio sul suo lavoro realizzato nel 2015 da un’emittente televisiva della città di Rolandia, nello stato meridionale del Paraná.

In quel periodo l’artista espose in una chiesa del comune le sculture di alcune delle sue creazioni più importanti, tra cui quelle di Madre Teresa di Calcutta, Nelson Mandela, Elvis Presley e Charles Chaplin.

Dopo aver sentito la presa in giro, l’uomo d’affari ha anche detto: “Hanno scattato alcune foto da una piccola angolazione. Questo non ha aiutato”, ha detto.

“Al momento dell’inaugurazione della mostra, le fotografie dei personaggi ritratti erano posizionate accanto a ciascuna scultura . Nessuno ha detto che fossero diverse, vedete”, ha riferito il sito brasiliano TAB .

L’imprenditore ha anche sottolineato che alcune sculture hanno finito per perdere la loro traccia di realismo, questo perché non sono state adeguatamente conservate mentre erano esposte in chiesa. Alcuni pezzi sono stati rubati anche loro, compromettendone il lavoro.

“Brutto scherzo” 

Nonostante la beffa che le sue figure di cera hanno generato, l’artista non si lascia abbattere, ignora le critiche e attribuisce la clamorosa ripercussione a un “brutto scherzo” dei “bambini di Internet”: “Ora tutti conoscono il mio lavoro”, ha detto in un’intervista con Efe.

“Hanno fatto la pubblicità al momento della mostra e qualcuno ha scattato una foto per prenderla in giro, uno scherzo sciocco. Ma è uscito su Internet e ha preso tutta quella proporzione”, ha detto.

Da 20 anni Armacollo divide il suo tempo tra il mondo degli affari e quello dell’arte e da un anno gestisce anche un suo piccolo museo, l’Izidoro Armacollo, in cui raccoglie le sue opere principali.

"Dovrebbero essere in prigione": Britney Spears accusa i suoi genitori di averla sottoposta a trattamenti degradanti