Lei aveva 14 anni e lui 39: il cantante di Timbiriche accusa di abusi il produttore musicale del gruppo

L’ex membro del gruppo Timbiriche , Sasha Sökol, ha approfittato della Giornata internazionale della donna per rompere il silenzio su ciò che ha vissuto durante il suo mandato nel gruppo. L’artista ha detto che quando aveva 14 anni è stata maltrattata dal produttore Luis de Llano

Sökol ha parlato attraverso il suo account Twitter e ha assicurato che, nonostante siano passati molti anni di abusi, non è mai troppo tardi per alzare la voce e garantire che le altre donne del settore non subiscano la stessa situazione che ha vissuto lei, quando era così giovane .solo un adolescente.


“Oggi è la Giornata internazionale della donna. Molte persone pensano che sia un giorno per congratularsi con noi. Non è così. Questa giornata è per riflettere e alzare la voce contro gli abusi sistematici in cui siamo rimasti intrappolati in mille modi “, ha scritto l’artista.

Amazon acquisisce il gruppo di dipendenti dei satelliti Internet di Facebook

La cantante di Timbiriche confessa che la sua famiglia ha cercato di aiutarla

Sökol ha commentato che la situazione di abuso è iniziata quando lei aveva solo 14 anni e lui 39. Ha rivelato che è durata quattro anni, durante i quali è sempre stata minorenne.

La cantante ha raccontato che quando la sua famiglia lo ha scoperto, l’hanno portata fuori dal gruppo e l’hanno mandata a studiare all’estero nel tentativo di tenerla lontana dal produttore.

“La mia famiglia lo ha scoperto e sono impazziti e non è stato per niente. Luis aveva quasi tre volte la mia età. Aveva un anno più di mio padre e la stessa età di mia madre “, ha detto.

Ana Mena, concerti in Italia 2021


Nonostante gli sforzi della famiglia, questa “relazione” è continuata, fino a quando Sasha Sökol ha affrontato sua madre per dirle che o li ha accettati e l’ha perdonata, o ha affrontato il fatto che ha continuato a mentirle.

Per molto tempo ho nascosto che stavamo ancora insieme. Quando ho compiuto 17 anni, ho detto a mia madre che potevo continuare a mentirle, o lei poteva perdonarmi. La poveretta non aveva altra scelta che aprirsi, ma non si è mai sentita a suo agio, ed era felice quando, poco tempo dopo, ho finito con lui», ha ricordato.

Natti Natasha posa per la prima volta con la figlia al naturale e senza una goccia di trucco

io ero spaventato

L’ex membro di Timbiriche ora riflette su ciò che ha vissuto. Dice che essendo una ragazza, il produttore ha commesso un crimine, perché il suo dovere era di proteggerla: “Come sarebbe stata la mia vita se Luis, invece di mettermi nel suo letto, avesse fatto quello che doveva fare, cosa che doveva prendersi cura di me ? Lo saprò,” si chiese.

Sökol dice che aveva molta paura di uscire da questa situazione perché, a causa dell’influenza che Luis de Llano aveva nel settore, temeva che potesse in qualche modo danneggiare la sua carriera.

"La mia anima e il mio cuore sono appena morti oggi": così Arcángel saluta al fratello minore morto in un incidente

Sorge in questa occasione la reazione dell’interprete, dopo che in un’intervista concessa dal produttore, ha assicurato che la relazione tra i due è durata solo sei mesi, secondo la rivista People en Español .


“Ha abusato di me prima e abusa di me ora volendo minimizzare ciò che è successo per eludere la sua responsabilità “, ha concluso l’artista.

Se sei vittima o testimone di violenze contro le donne, il telefono di orientamento fornito da @minmujeryeg è 1455. Il numero può essere composto sia da rete fissa che da cellulare e da lì forniscono indicazioni per aiutare le vittime di abusi o guidarti con i meccanismi per sporgere denuncia.