Il traffico di Pornhub è salito alle stelle durante la caduta di Facebook, Instagram e WhatsApp

Lunedì scorso, 4 ottobre, milioni di utenti dei social network sono rimasti “veduti” e hanno subito il crollo dei social network appartenenti a Facebook come Instragram e WhatsApp.

Sebbene “l’incidente” sia stato un disastro per l’azienda di Mark Zuckerberg, altri nel frattempo hanno tirato fuori conti felici riguardo alle attività svolte dagli utenti non avendo accesso a parte delle più importanti reti di comunicazione e svago in questi giorni.

iPhone 13: scopri le caratteristiche principali del nuovo dispositivo mobile di Apple

È così che molti hanno approfittato del loro “tempo libero” per accedere ad altri tipi di contenuti come la pornografia. A testimoniarlo è stato uno dei siti più importanti del settore, Pornhub, che ha registrato un aumento esplosivo di utenti nelle ore in cui i servizi di Facebook erano down.

Aumento del traffico di Pornhub

“Il traffico di Pornhub è aumentato fino al 10,5%, che equivale a circa mezzo milione di utenti aggiuntivi per ogni ora in cui i servizi di Facebook sono stati inattivi, ha affermato la società in una nota.

Questa è l'anteprima della seconda stagione di "Luis Miguel, la Serie".

Come si può vedere in un grafico condiviso dal sito, il traffico nella rete di video pornografici ha iniziato a crescere in maniera esponenziale intorno alle 12:00 (ora del Cile), raggiungendo il suo picco circa tre ore dopo l’interruzione delle reti social.

Pornhub ha anche sottolineato che un fenomeno simile si è verificato nel 2019 durante il blackout di Facebook di quell’anno, che ha anche spinto gli utenti a consumare contenuti porno.

Christian Nodal chiude il ristorante e chiede a Belinda di sposarlo con un anello da 3 milioni di dollari

“Le statistiche di Pornhub hanno riscontrato aumenti di traffico simili durante un’altra interruzione di Facebook e Instagram nel marzo 2019”, spiegando ulteriormente che è stata questa l’opportunità che il traffico diurno è aumentato dell’11%, mentre il traffico notturno ha raggiunto il 19%.