Armando Manzanero muore a 85 anni a causa del coronavirus

Questo lunedì, 28 dicembre, è stata confermata la morte del  famoso compositore messicano Armando Manzanero all’età di 85 anni. L’  icona della musica romantica è stata intubata dopo aver catturato il Covid-19.

La notizia è stata confermata dal presidente del Messico,  Andrés Manuel López-Obrador, nel corso di una conferenza stampa, che ha sorpreso i presenti. “È una cosa molto triste, Don Armanzo Manzanero, un grande compositore, uno dei migliori del paese, un uomo che è anche socialmente sensibile”, ha detto.

I suoi ultimi giorni

Manzanero è stato ricoverato il 17 dicembre dopo essere risultato positivo al coronavirus e presentare tosse e scarsa ossigenazione. Sei giorni dopo, è stato intubato per ricevere il supporto della ventilazione meccanica “con pieno consenso”, secondo i suoi rappresentanti in quel momento.

Nonostante le sue condizioni, la sua famiglia aveva riferito che stava progredendo favorevolmente. “La frequenza cardiaca continua a scendere, il che conferma che si sta stabilizzando. La funzione polmonare si sta ristabilendo. I progressi nella sua salute continuano”, hanno detto solo due giorni fa.

La sua traiettoria

Nato nello stato dello Yucatán (est), Manzanero è uno dei compositori più emblematici della musica messicana contemporanea, ideatore di “We are novios” e “With you learning”, eseguiti da lui stesso e da vari artisti, come Luis Miguel e Alejandro Fernández.

Manzanero è ampiamente conosciuto in America Latina e nel 2014 è diventato il primo messicano a ricevere un Grammy Award onorario per la sua carriera.

Lo scorso settembre ha tenuto un concerto virtuale con il veterano rocker Alex Lora, leader della band El Tri, e il cantautore pop Aleks Syntek.

Bad Bunny cancella tutti i post dal suo Instagram e riappare su TikTok con la sua ragazza